Spoleto (27 km)

La città è testimonianza di insediamenti abitati sin dalla preistoria. Divenne colonia romana dal III secolo a.C. e contribuì, durante le guerre Puniche, a respingere Annibale dopo la sua vittoria al Trasimeno. Dal XII secolo divenne di dominio della Chiesa e centro di rilievo dello Stato Pontificio. Con il rinascimento la città divenne un centro culturale, sorge l’ “Accademia degli Ottusi”, oggi “Accademia Spoletina”.

Costruzioni imponenti sono stati edificate nella città nei secoli, la Rocca Albornoziana sulla sommità della collina e sede dei governatori della città, con i suoi caratteristici cortili e le sue torri. Il Ponte delle Torri, parte di un acquedotto di origini romane, simbolo della città con i suoi 236 metri di lunghezza e 90 metri di altezza.

La città di Spoleto presenta due cinte murarie ad indicare la sua progressiva espansione urbanistica. Le “Mura Ciclopiche”, sorti in epoca umbra, costituite da enormi massi di pietra calcarea squadrati in forma poligonale e posti a secco; le “Mura Medievali”, la seconda cerchia muraria più esterna realizzata nel periodo medievale.

Proprio dell’età romana è il teatro, utilizzato poi nel periodo medievale come cava di materiale di recupero, da cui i particolari ornamentali architettonici, come effigi e simboli pagani, sono stati incorporati in edifici e strutture più recenti sparsi per la città.

Tra gli edifici religiosi di maggior interesse la Cattedrale di Santa Maria Assunta, Duomo della città sorto nel XI secolo e decorata con i pregevoli affreschi del Pinturicchio. La Chiesa di San Salvatore, fra le più antiche basiliche di origine paleocristiana in Italia e patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Nella città si celebra ogni anno il “Festival dei Due Mondi” conosciuto per i con i suoi spettacoli di prosa, danza, concerti, mostre e film.